Come riconoscere i segnali del bullismo

0
532
Come riconoscere i segnali del bullismo

Come riconoscere i segnali del bullismo, conoscere il fenomeno è importante ma occorre anche saper distinguere i “sintomi” manifestati dalle vittime per poterle aiutare.

Come riconoscere i segnali del bullismo: il fenomeno

Il bullismo è una piaga diffusa in tanti istituti, non solo al liceo ma anche nelle scuole medie e perfino nelle scuole elementari.

E poi il fenomeno si è evoluto ed è dilagato su internet. Sempre più difficile da estinguere, da estirpare, assume varie forme, il branco si spalleggia e le vittime tendono a non denunciare.

Chi è stato vittima di bullismo sa bene come ci si sente e quanto difficile sia parlarne, un po’ tra le vittime c’è la credenza diffusa che debbano cavarsela da sole, che sia un problema loro e che rivolgendosi agli adulti dimostrerebbero di non essere indipendenti ed inoltre c’è la vergogna, le minacce.

Gli adulti invece devono imparare a riconoscere i segnali ed intervenire.

Come riconoscere i segnali del bullismo: i campanelli d’allarme

Le vittime ci chiedono aiuto in molti modi, ecco i segnali:

  • stress emotivo

  • senso di impotenza nell’affrontare la situazione

  • manifestazione di ansia o depressione

  • tendenze autolesioniste, o persino suicide

  • calo del rendimento scolastico

  • difficoltà a socializzare e a stare in gruppo

  • tendenza a chiudersi in casa

  • atteggiamento schivo o rabbioso

  • tendenza al pianto

  • eccessiva sensibilità

  • insonnia

  • mal di testa e mal di stomaco frequenti

  • non voler frequentare la scuola e/o salire sullo scuolabus

Inoltre si può notare che la vittima ha la tendenza a “perdere le cose” a scuola, invece le vengono sottratte dai compagni bulli.

In questi casi occorre agire con discrezione e delicatezze,parlare con gli insegnanti o con i genitori se voi siete i docenti ed affrontare con la vittima il discorso, inducendola a parlarvi del problema.